sabato, aprile 23, 2016

I tradimenti di Giuseppina

Napoleone è in Egitto ed è lì che apprende che la sua Giuseppina non gli è affatto fedele.

Giuseppina

Il futuro Imperatore non è più arso da quell'insana passione per la bella creola che lo aveva spinto e accompagnato durante la prima campagna d'Italia, ma la notizia dei tradimenti di Giuseppina lo turba e lo fa infuriare. Quanto Napoleone fosse adirato lo possiamo desumere da questa lettera che egli indirizza al fratello Giuseppe.

Imperatore


" Non mi siete affezionato. Le donne! Giuseppina! Se voi mi foste stato affezionato, mi avreste informato di tutto ciò che ho appena appreso da Junot.

Lui sì che è un vero amico!

Giuseppina! E io sono qui a 600 leghe. Voi dovevate dirmelo. Ah Giuseppina ingannarmi in questo modo.
Sterminerò questa razza di damerini. Quanto a lei, il divorzio! Sì, il divorzio. Un divorzio pubblico, clamoroso!

La mia gloria! Non so cosa darei perché non fosse vero quello che dice Junot, tanto amo quella donna!
Se Giuseppina è colpevole è necessario che il divorzio ci separi per sempre. Non voglio essere oggetto di scherno per tutti i buoni a nulla di Parigi!"


napoleone-alpi

La storia ebbe un corso diverso, in quell'occasione Napoleone perdonò Giuseppina. Il divorzio tra i due avvenne, ma molti anni più tardi


Related: Napoleone e il divorzio



martedì, aprile 19, 2016

I pensieri di Napoleone. La forza delle passioni

Riflessioni Napoleoniche


guardia imperiale

Un soldato deve saper vincere il dolore e la malinconia delle passioni.
Ci vuole autentico coraggio nel sopportare le pene d'amore quanto nel rimanere esposto alla mitraglia di una batteria.
Abbandonarsi al dolore senza opporre resistenza, suicidandosi è come abbandonare il campo di battaglia prima di aver vinto.

Napoleone fece questa riflessione in seguito ai numerosi suicidi che avvennero tra le sue truppe, quasi sempre dovuti a delusioni amorose.

E' incredibile pensare come questi uomini, che ci prefiguriamo rudi, avvezzi al sangue, che sfidavano la morte e sempre in pericolo potessero togliersi la vita per problemi di "cuore".

La cosa, invece era piuttosto frequente. Questo testimonia della vita difficile di un soldato dell'esercito napoleonico.E' probabile che un vetereano sia stato lontano da casa e dagli affetti familiari per molti anni. In qualche caso anche i contatti potrebbero essere stati persi per un lungo periodo.

Approfondimenti: sul suicidio

Quante fidanzate, quante mogli avranno preferito non aspettare e rifarsi una vita? Quante donne avranno scelto di non correre il rischio di rimanere giovani vedove magari con figli da sfamare?

Lo status di soldato napoleonico sempre in giro per l'Europa a guerreggiare mal si sposava con la creazione di una famiglia.

La tendenza al suicidio dei giovani soldati dell'esercito di Napoleone testimonia anche della fragilità mentale dei soldati.
Essere costantantemente in pericolo di morte sicuramente avrà rappresentato per quelle generazioni uno stress poco gestibile.

Approfondimenti: Napoleone e Maria Walewska

Ecco che Napoleone cerca di far leva sui valori a lui cari. Il coraggio. l'onore. Bonaparte non disconosce il dolore che si può provare per un amore non corrisposto o che finisce all'improvviso (d'altra parte lo stesso Bonaparte aveva provato le pene d'amore durante la prima campagna d'Italia) , anzi lo paragona al pericolo che si corre affrontando la mitraglia nemica, ma esorta i suoi uomini a non arrendersi.
Il suicidio è paragonato alla maggiore onta per un soldato, la ritirata, l'abbandonare il campo di battaglia. 




Related: le api nella simbologia napoleonica