mercoledì, marzo 16, 2016

Napoleone il testardo

Napoleone difficilmente cambiava idea. 


L'Imperatore ascoltava tutti, ma alla fine era sempre la sua idea a prevalere. Una peculiarità del suo carattere granitico.

Testardo come di solito solo gli isolani sanno essere, ecco come lo descrive Pichegru:

" Io l'ho conosciuto nella sua giovinezza, il suo carattere è inflessibile; quando ha preso il suo partito, non lo cangerà mai".


Napoleon


Questa peculiarità del carattere di Napoleone è vera, essa fa parte del personaggio che era riuscito da solo a conquistare in poco tempo la gloria e il potere.

E' chiaro che ciò che  gli era accaduto gli dava una profonda stima di se stesso e ciò lo  portava a pensare di avere sempre ragione in virtù di una genialità superiore.

Questa carattareristica crebbe negli ultimi periodi della sua vita e fu una delle ragioni del suo declino. Napoleone si convinse di essere invincibile, di poter gestire a suo piacimento tutti i suoi collaboratori e ciò gli fece commettere degli errori che nel passato non avrebbe fatto.

Approfondimenti: Napoleone e il lavoro

Il carattere di Napoleone


Il carattere di Napoleone non lo aiutava in questo senso. Isolano di nascita e già per questo meno avvezzo ai contatti umani e sociali Napoleone fu mandato poco più che bambino a studiare in Francia.

napoleone giovane


La permanenza nel collegio di Atun e poi di Brienne acuì la vena malinconica e solitaria del futuro Imperatore. Non lo aiutavano nella socializzazione il suo nome "strano" che fu subito storpiato in Paille au nez,nè la sua origine corsa. 

Napoleone si chiuse in se stesso coltivando il suo ego e la sua ambizione. 

In tal modo si formò il suo carattere. La vita e l'educazione militare fecero il resto.


napoleone e il granatiere


Anche quando il destino e la sua abilità lo portarono a governare l'Europa e quindi fu attorniato da centinaia di persone egli rimase in fondo un solitario.

Veri amici Napoleone forse non ne ebbe mai. Molti gli furono sinceramente devoti, ed egli affezionato a sua volta, ma mai si sciolse completamente.

Questa sociopatia di base fu la sua forza, ma anche la sua debolezza.

Approfondimenti: Napoleone e Maria Walewska


Posta un commento