giovedì, dicembre 01, 2011

Il soldato Napoleone



Ricordate sempre queste tre cose: unione delle forze, attivismo e ferma volontà di morire con gloria.
Questi sono i grandi principi dell'arte militare che mi hanno reso la fortuna amica in tutte le imprese.





il generale bonaparte


In una frase viene compendiata tutta l'arte militare di Napoleone.

Unione delle forze:


Per Napoleone è fondamentale in battaglia, avere la superiorità numerica rispetto al nemico. 

Non sempre, però i suoi eserciti avevano un maggior numero di soldati rispetto agli avversari. 

Come rimediare?

Napoleone cercava di tenere quanto più possibile unito il proprio esercito. Spesso questo è stato il segreto delle sue vittorie. Bonaparte studiava con attenzione quasi maniacale le mosse del nemico, ne prevedeva in anticipo spostamenti e strategia.

Come in una partita a scacchi, gioco che egli amava, predisponeva le sue truppe concentrandole in un sol punto in modo da realizzare quella superiorità numerica che gli avrebbe dato la vittoria.

Curiosità napoleoniche. Le api simbolo di Napoleone

Attivismo


Per realizzare il suo scopo Napoleone non aveva che un'arma l'attivismo. Egli stesso era frenetico, non si fermava mai, una vera e propria macchina che metteva da parte anche i più elementari bisogni vitali come ad esempio il mangiare. 

Questo attivismo era caratteristica dei suoi eserciti. 

I soldati di Napoleone marciavano in tempi rapidissimi riuscendo anche a percorrere 30 chilometri in un giorno. Questa capacità innovativa permetteva alle truppe di Napoleone di spostarsi rapidamente su tutto il fronte realizzando quella concentrazione di forze che gli permetteva la vittoria.

Approfondimento: Napoleone e il lavoro

Morire con gloria


In  questa frase tutto il carisma e il fascino di Napoleone. I soldati di Bonaparte non avevano paura, si gettavano nella mischia con ardore e passione non temendo assolutamente la morte. 
La devozione nei confronti dell'Imperatore era assoluta. La ricerca della gloria personale, l'onore erano valori ben presenti nelle truppe napoleoniche. Tali peculiarità furono una delle ragioni, se non la principale delle vittorie degli eserciti francesi.



ritratto di Napoleone

Posta un commento