Napoleone e il divorzio  

Posted by: Antonio Grillo in , , , , ,

Il pensiero di Napoleone sul divorzio


Napoleone ebbe  un'educazione cattolica per cui credeva alla  famiglia e ai suoi valori, come testimonia la sua intera vita passata a beneficiare i suoi consaguinei, benché ben presto si rendesse conto che i suoi framiliari non meritassero tante e tali attenzioni.



In più c'è da dire che Napoleone passò la sua infanzia in Corsica, in un ambiente quindi molto legato alle tradizioni familiari. La cultura isolana era patriarcale nel senso più stretto del terminee Napoleone non poteva non subire l'influenza culturale delle sue origini.

Con questo tipo di educazione si potrebbe presumere che Bonaparte fosse del tutto contrario a qualsiasi forma di divorzio, anche in considerazione del periodo storico.

Ebbene questo non corrisponde del tutto alla verità.

Nel suo Codice Civile, in qualche caso il divorzio fu, infatti ammesso.

A questo punto facciamo una digressione e parliamo del fatto che Napoleone stesso divorziò da Giuseppina per legarsi in matrimonio con Maria Luisa d'Austria. 
Il passo indietro ci è necessario per dimostrare che non vi fu incoerenza tra le sue decisioni e il suo pensiero.

Il divorzio di Napoleone

Giuseppina_Napoleone

Il divorzio da Giuseppina nacque dalla ragion di Stato. Bonaparte aveva bisogno di un'erede e dopo aver avuto la certezza di essere in grado di procreare dopo le paternità conseguenti ai rapporti  con la Denuelle (leggi l'amante che diede un figlio a Napoleone) e Maria Walewska (tutto cominciò così leggi), non poteve più rimandare la sua decisione, seppur sofferta.

Tutta la sua costruzione, il suo Impero sarebbe stato destinato a finire se non vi fosse stato nessuno titolato a raccoglierne la legittima eredità. E questo Napoleone lo sapeva bene.
Legarsi, poi a una nobiltà secolare come quella Austriaca o Russa avrebbe ancor di più rafforzato la propria posizione e la propria discendenza.

Napoleone più volte rimandò la decisione di separarsi da Giuseppina, malgrado i suoi tradimenti (leggi), che in qualche modo riteneva legata alla sua stella, pur sollecitato a farlo da tanti consiglieri, a cominciare dai membri della sua famiglia che mal digerivano la presenza di Giuseppina

Quando, infatti Roederer lo invitò a divorziare, per dare un erede alla sua dinastia le parole di Napoleone non ammisero repliche.

divorzio napoleone


Egli rispose:

" Sarebbe, forse nel mio interesse un divorzio? Ma come posso mandare via una buona moglie solo perchè divento più grande?. Ella mi avrebbe seguito in esilio e in prigione."

Alla fine accettò di troncare il legame con la donna che tante passioni aveva suscitato nella sua giovinezza. Lo fece con la morte nel cuore, Giuseppina era stata la sua vera e prima donna, colei che oltre aver suscitatao un'insana passione era stata decisiva in tanti momenti della sua carriera a cominciare dai giorni che culminarono col 18 brumaio.

Probabilmente Napoleone si pentì di aver lasciato Giuseppina. Ebbe, infatti per la sua ex sposa delle attenzioni molto care, anche se evitò di incontrarla spesso, per non suscitare polemiche e malintesi riguardo il suo nuovo  matrimonio con Maria Luisa d'Austria. ( Leggi 27 marzo 1810, Napoleone conquista Maria Luisa)

marie louise


Napoleone, a suo modo amava la  nuova "Austriaca", ma soprattutto non voleva commettere errori con le altre Corti europee e soprattutto col suocero.

Le ragioni del divorzio di Napoleone sono allora ben chiare, ma non rispecchiavano il suo pensiero riguardo il divorzio.

Ma poniamo ascolto alle sue parole.

Egli dice:

"Guardate i costumi del paese; l'adulterio non è un fenonemo raro, bensì consueto. E' una questione di canapè. Queste donne che rompono la fede coniugale per qualche gioiello o per qualche verso per Apollo o le Nove Muse hanno bisogno di un freno"

Napoleone, parte da lontano, dall'adulterio. Le donne lascive hanno bisogno di un freno, perché minano la stabilità del matrimonio.
Atteggiamento maschilista?
Dobbiamo tener conto che siamo agli inizi del 1800 per cui il ruolo della donna era subordinato a quello dell'uomo e la cosa veniva universalmente accettata.


Il pensiero di Bonaparte, però, se ci soffermiamo con più profondità, non condanna il comportamento delle donne lascive in quanto tale. Egli parla, infatti di mettere un freno a taluni comportamenti perchè portano a delle conseguenze disastrose.
 Egli, da uomo di Stato, pensò alle conseguenze che i divorzi potevano avere sulla società e di conseguenze anche sulle sue truppe.

In un altro momento, proprio facendo delle considerazioni su alcuni suicidi che vi erano stati tra i soldati a causa di pene d'amore, Bonaparte scrisse:
" il soldato deve saper vincere il dolore e la malinconia delle passioni".

Nel suo Codice, però il divorzio, in alcuni casi fu ammesso.

Related: lezioni di storia, il Codice Civile

Leggiamo insieme.

" Vi sono tre motivi legittimi per il divorzio: assassinio, adulterio e impotenza".

Questa la legge

Le questioni familiari per Napoleone non devono uscire fuori dalla famiglia. Nessun tribunale deve metetre il naso in quelle che sono questioni ritenute personali.

Conclusioni


Per comprendere bene il pensiero di Napoleone, bisogna sempre pensare che il Grande Corso, oltre a essere un raffinato stratega militare era anche un politico di prim'ordine. Egli temeva le conseguenze sociali del divorzio, l'impatto che esso poteva avere sulla società francese e i pericoli di destabilizzazione che ne potevano scaturire.

Consideriamo un altro caso che meglio ci fa comprendere come egli interpretava le cose.

Bonaparte proibì le case da gioco perché le riteneva la rovina delle famiglie.

Anche in questo caso non c'è giudizio morale, ma solo scopo politico. Il rovinarsi col gioco era destabilizzante per la società e lui non lo poteva permettere.

 Napoleone è attento ai fenonemi che possano portare al disgregamento sociale e cerca in tutti i modi di evitarli. Ecco che il politico prevale sul militare.

This entry was posted on lunedì, dicembre 05, 2016 and is filed under , , , , , . You can leave a response and follow any responses to this entry through the Iscriviti a: Commenti sul post (Atom) .

0 commenti

Posta un commento