Napoleone, un carattere speciale fin dall'infanzia  

Posted by: Antonio Grillo in , , , , , ,

Lo spirito ribelle, l'intelligenza vivace, la testardaggine, l'inclinazione alla lettura e alla solitudine, il sentirsi speciale sono tratti del carattere di Napoleone che fin dalla prima infanzia emergono prepotenti.


La stessa Letizia, la madre del futuro Imperatore intravide nel suo secondogenito l'impronta di uno spirito superiore, quella di un genio.

Senza, pero una serie di circostanze, il destino non avrebbe potuto compiere appieno il suo corso.

  • Fu il Conte Marboeuf ad adoperarsi affinché Napoleone potesse studiare in Francia e approdare al collegio militare di Brienne. Prima tappa che lo avrebbe avviato alla carriera militare.
  • Fu poi, l'ispettore Keralis che decise di mandarlo alla scuola militare di Parigi, dove potette completare i suoi studi e diventare ufficiale dell'esercito francese.
Cosa sarebbe accaduto se questi due personaggi non avessero fatto capolino nella vita di Napoleone?

Probabilmente la storia avrebbe un corso diverso. Il giovane Bonaparte sarebbe rimasto in Corsica. Le sue doti lo avrebbero portato di fatto a essere il capofamiglia, gli avrebbero consentito di accrescere il patrimonio familiare, ma il suo genio sarebbe stato imprigionato nei confini di una piccola isola.

Nella vita di ogni grande uomo ci sono degli episodi che rappresentano delle svolte, delle pietre miliari che ne  contrassegnano l'esistenza. 

Mi piace, però pensare che Napoleone fosse un predestinato, che in un modo o nell'altro la sua stella avrebbe illuminato la sua epoca. Marboeuf, Keralis, Fesch siano stati degli strumenti, delle pedine necessarie sulla strada dell'Imperatore.





This entry was posted on mercoledì, marzo 16, 2016 and is filed under , , , , , , . You can leave a response and follow any responses to this entry through the Iscriviti a: Commenti sul post (Atom) .

0 commenti

Posta un commento